0

Queste oscure materie – La bussola d’oro di Philip Pullman

Posted by Simona Giorgi on 10 giugno 2017 in film, libro |
la bussola d'oro queste oscure materie aletiometro

Queste oscure materie [vol. 1] – La bussola d’oro di Philip Pullman

Il primo capitolo della trilogia fantasy di Philip Pullman Queste oscure materie, è La bussola d’oro del 1995, editato l’anno seguente in Italia, dal quale è stato tratto un film nel 2007.

la bussola d'oro queste oscure materie copertina

Un mondo identico al nostro, eppure così differente, è l’universo parallelo dove vive la protagonista Lyra Belacqua. Una ragazzina di undici anni, cresciuta dai sapienti del Jordan College di Oxford, in un tempo sospeso apparentemente a cavallo tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900.

Tutti gli esseri umani di questo mondo sono accompagnati per la loro intera esistenza da un alter ego spirituale che assume la forma di un animale mutevole nella forma quando accompagna i bambini, per poi assumere un aspetto definitivo con il subentrare della pubertà, denominato daimon. Il daimon non è una semplice compagnia, è un essere senziente legato mentalmente e fisicamente al suo umano anche se può muoversi e ragionare in modo autonomo, sono una cosa sola e provano gli stessi sentimenti o lo stesso dolore se si fanno male, ma questa forma di collegamento simbiotico non impedisce di agire e pensare in modo assolutamente indipendente, fatta unica eccezione per la distanza fisica: l’allontanamento provoca in entrambi enorme dolore fisico e angoscia. Se l’umano muore, muore anche il daimon. Allo stesso tempo quando un daimon viene strappato con violenza dal suo umano, il distacco provocherà seri danni psicofisici a entrambi, portando il più delle volte a lenta e dolorosa morte. Questi esseri hanno sempre il sesso opposto rispetto al loro umano. Il daimon di Lyra è Pantalaimon, detto Pan, ed ha ancora forma mutevole che varia maggiormente dalla falena a un ermellino, fino a passare per un gatto selvatico, un pesciolino, lucciola, pipistrello e svariati uccelli in base ai luoghi e alle necessità del momento. Il daimon stabilizzato, tipico degli adulti, rivelerà molto sul carattere di chi lo possiede e influirà obbligatoriamente sulle sue scelte di vita: mentre un qualsiasi mammifero o uccello possono adattarsi a varie situazioni, i daimon con sembianza di pesci o altri animali acquatici costringeranno i loro umani a vivere su imbarcazioni per via del filo invisibile che li unisce.

Lyra è una ragazzina vivace, sveglia e dalla fervida immaginazione: non a caso la sua abile dote nell’inventare storie e bugie in modo furbo sarà la sua salvezza in più occasioni. Le hanno sempre detto che è orfana di entrambi i genitori, eppure è sempre stata trattata dagli Accademici e dagli inservienti del Jordan con riguardo, come se fosse figlia di nobili o di persone molto influenti. Nonostante sia poco più di una bambina, Lyra dimostra indole da selvaggia: i suoi passatempi preferiti sono zuffe e risse con altri bambini, e organizza monellerie senza averne mai abbastanza. Intraprendente, coraggiosa e con spirito di iniziativa, tutte doti che la aiuteranno molto nella sua avventura.

Le giornate di Lyra trascorrono serene fin quando l’uomo che dice di essere suo zio, Lord Asriel, si presenta al Jordan College per presentare ai vari sapienti i frutti delle sue ricerche sulla Polvere, una particella proveniente dal cielo – o meglio dai mondi paralleli – chiedendo ulteriori finanziamenti per proseguire la spedizione scientifica nelle terre del Nord. La ragazzina, mossa dalla curiosità, spia questo incontro, e inizierà a domandarsi cosa sia questa Polvere che scuote tanto gli animi dei saggi e la fame di conoscenza di Lord Asriel. Dalle sue precedenti ricerche, sembrerebbe che la Polvere tenda a depositarsi sulle persone adulte incanalando la propria energia attraverso il daimon stabilizzato, mentre i bambini e i loro daimon mutanti non risentono di questo fenomeno.

A distanza di qualche tempo dall’incontro, iniziano a sparire nel nulla differenti bambini, e iniziano a rincorrersi voci fantasiose e raccapriccianti sul loro destino, ma tra le tante versioni la più plausibile è quella del rapimento da parte degli Ingoiatori, esseri malvagi che usano i bambini per fare terribili esperimenti. In concomitanza con questi rapimenti, Lyra incontra nel College una donna molto affascinante, la signora Marisa Coulter che ha una scimmia dal manto lungo e dorato come daimon, questa donna riesce a lusingare la bambina e a convincerla di accompagnarla nelle regioni dell’Artico. Lyra accetta con entusiasmo, convinta di poter raggiungere suo zio e conoscere finalmente i segreti della Polvere, oltre all’allettante idea di visitare paesi lontani e vedere popoli a lei sconosciuti. Prima della partenza il Maestro del Jordan le consegnerà un oggetto misterioso che ha la forma di una pesante bussola d’oro: l’aletiometro. Una corona di disegni che hanno molti significati, tre lancette fisse che vanno posizionate su altrettanti simboli per formulare una domanda, e una lancetta mobile che si posiziona liberamente sui simboli fino a dare la risposta alla domanda formulata. Nessuno sa come usare l’aletiometro, esiste un libro per decifrarne il linguaggio segreto, ma l’intuito di Lyra riuscirà a farle capire col tempo come “comunicare” con la strana forma di intelligenza contenuta in questo oggetto singolare.

Durante il tempo trascorso con la signora Coulter, Lyra si rende conto di quanto la donna abbia un ruolo importante nel rapimento dei bambini, capeggiando gli Ingoiatori grazie all’appoggio del Magistero, e troverà uno stratagemma per scappare dalla casa della signora Coulter. La bambina verrà tratta in salvo dagli uomini del mare, i Gyziani, e insieme al loro aiuto e a quello di altri amici e curiosi alleati incontrati durante il viaggio verso Nord, organizzeranno un piano per cercare e trarre in salvo i bambini rapiti in un susseguirsi di inganni, battaglie, tradimenti, verità sempre più difficili da accettare.

Il percorso sarà pieno di ostacoli, colpi di scena, feroci lotte all’ultimo sangue, giganteschi orsi polari guerrieri e mercenari dotati di armature – gli orsi corazzati – e affascinanti streghe.

la bussola d'oro queste oscure materie aletiometro

I personaggi sono costruiti in modo credibile, hanno personalità e carattere ben distinti. La protagonista, ovviamente, suscita simpatia e affetto fin dall’inizio per la sua scaltrezza e per essere una bugiarda adorabilissima, mossa da sentimenti puri e forti, e da una determinazione di ferro. Oltre a Lyra, il personaggio che mi ha suscitato maggiore interesse è l’orso corazzato Iorek Byrnison. Reietto dal suo popolo, vive in esilio pagando i suoi errori con umiltà ma non ha perso la fierezza e l’onorevole orgoglio che caratterizza la sua natura. Dopo essere stato aiutato a riconquistare la sua armatura – che per lui rappresenta l’anima esattamente come i daimon per pe lersone – si unirà a Lyra, e si rivelerà un compagno di viaggio leale e fedele, rivelando più volte il grande affetto nei riguardi di questa bambina che ha mostrato grande coraggio e pietà nei suoi riguardi, quando altri sarebbero fuggiti in preda al terrore. Altro personaggio che ho adorato è il texano Lee Scoresby, un aeronauta che si guadagna da vivere trasportando persone o mercanzie mediante il suo aerostato. Si unisce al viaggio di Lyra mosso dalla vecchia amicizia che lo lega a Iorek, oltre che dal suo buon cuore: si rende subito conto che la bambina deve compiere una missione importante e parteciperà attivamente al salvataggio dei bambini rapiti dagli Ingoiatori.

Le tematiche affrontate sono davvero innumerevoli, si spazia dalla religione alla filosofia, con un pizzico di fisica. Il libero arbitrio, il destino, sono realmente nelle nostre mani o c’è qualcosa di già programmato per noi? Poi ovviamente si scava molto nei sentimenti: amicizia, lealtà, coraggio si fondono con la menzogna e la vigliaccheria, toccando anche una forma di crudeltà che sembra dotata di vita propria: passa senza preavviso dalla spietatezza alla manipolazione, creando sensi di colpa e vero e proprio panico.

Lo stile narrativo mi è piaciuto molto: già dopo poche righe ci si immerge letteralmente nella storia anche per merito dei personaggi ben definiti e caratterizzati. I dialoghi sono brillanti, così come appaiono accurate le descrizioni degli ambienti o dei mezzi di trasporto. In alcuni momenti la narrazione è leggera e scorrevole, mentre in passaggi più importanti si approfondiscono molto le tematiche trattate, e questo dettaglio – unito ai temi religiosi e filosofici – mi lascia pensare che i più giovani non riusciranno a cogliere la reale sostanza della storia narrata.

E, dettaglio non trascurabile, chi ha curato le traduzioni NON CONOSCE I CONGIUNTIVI!! Purtroppo mi sono sanguinati gli occhi in differenti passaggi, intollerabile.

La lettura è consigliatissima, non annoia, e l’avventura è avvincente.

 

Ma ora parliamo del film. Visto dopo aver terminato il libro come è giusto che sia. Mi è piaciuto? Ni. Realizzato magistralmente con una grafica digitale degna di lode, meravigliose le animazioni e le metamorfosi dei tanti daimon, la realizzazione delle città e degli edifici, le battaglie, i mezzi volanti e i natanti. Ma i tanti tagli e modifiche apportati rendono un pochino scialba la visione, oltre a togliere il vero senso alla storia. Mentre la signora Coulter nel libro è una donna affascinante dai lunghi capelli corvini, nel film viene interpretata da Nicole Kidman, la strega Serafina Pekkala nel romanzo è una donna giovane e avvenente dalla chioma bionda e luminosi occhi verdi, nel film viene interpretata da Eva Green che invece ha una folta chioma scura… Già questo potrebbe bastare per mandarmi di traverso la visione. Oltre all’abominevole errore di casting, si è provveduto a spargere edulcorante a palate sulla vicenda degli Ingoiatori e dei bambini rapiti, e il finale non corrisponde neanche lontanamente a quello del libro.

Da un lato posso comprendere la necessità di snellire il racconto e di renderlo adatto anche alla visione dei più piccoli semplificando la storia ed omettendo i dettagli più cruenti (anche se indispensabili per far comprendere la realtà delle azioni del Magistero), il film vedetelo solo DOPO aver letto il libro.

 

A breve parlerò anche degli altri due romanzi della trilogia che compone Queste oscure materie, dai quali però non sono stati tratti i relativi film.

 

Tag:, , , , ,

0

Valigetta porta dischi in pelle nera Auna Nostalgy

Posted by Simona Giorgi on 18 novembre 2016 in tempo libero |
valigetta porta dischi

Valigetta porta dischi in pelle nera Auna Nostalgy TTS6 per conservare e portare sempre con noi fino a 30 dischi in vinile 33 giri.

Questa Valigetta porta dischi in pelle nera di Auna è molto robusta e utile, oltre che bella da vedere. E’ in grado di conservare al riparo dalla polvere e dagli agenti atmosferici fino a 30 dischi, il case è rigido e rivestito in simil pelle di colore nero, con gli angoli protetti da inserti in metallo che garantiscono robustezza ed evitano che la valigetta possa rovinarsi ammaccandosi.

Read more…

Tag:, , , ,

0

Shirley di Charlotte Bronte edizione Mammuth

Posted by Simona Giorgi on 8 settembre 2016 in libro |
shirley charlotte bronte

Shirley di Charlotte Bronte edizione Mammuth Newton & Compton eNewton Narrativa

Dopo il grande successo di Jane Eyre, Charlotte Bronte conferma le sue innate doti narrative con Shirley. Romanzo sociale pubblicato nel 1849, ambientato nel 1812 durante il periodo delle rivoluzione napoleoniche nell’Inghilterra meridionale.

Le protagoniste sono due: Shirley, ricca ereditiera dal carattere vivace e deciso, e Caroline dall’indole più mite. Caroline è rimasta orfana di padre e viene abbandonata dalla madre, ma viene accudita dallo zio, un reverendo, che ha due figli legatissimi alla ragazza. Uno dei due, Robert, è legato in modo molto particolare alla cugina con un rapporto ambiguo che esula dal semplice affetto legato alla vicinanza della parentela. Robert ha un’industria tessile che versa in difficoltà e per temperamento non vuole legami sentimentali fin quando non avrà raggiunto la sicurezza economica, e la sua attività sorge su uno dei terreni di Shirley, che diventa amica di Caroline.

La vicenda ruota attorno a questo triangolo formato da amicizia, amore mal celato e opportunismo, e le riflessioni riguardo il ruolo della donna nella società di quel periodo affiorano continuamente, insieme alle contraddizioni e ipocrisie dell’epoca.

La figura femminile non è rilevante per la società, a meno che non abbia potere economico e sociale, ma anche in quel caso ne vengono tollerati pensieri e parole esclusivamente per rispetto della posizione, non certo della persona.

Caroline e Shirley sono due donne molto diverse sia per quanto riguarda l’estrazione sociale sia per il carattere molto differente, oltre che per l’educazione. La prima, cresciuta dallo zio reverendo, è mite e schiva e le è stato imposto l’ideale della donna come angelo del focolare, mamma e moglie, mentre la seconda è libera e disinvolta oltre che mossa da ambizioni. Le poche ambizioni alle quali una donna potesse ambire nel lontano 1812.

La lettura inizialmente è molto lenta e tediosa, per vivacizzarsi poi mentre la trama si dipana. Il testo è in versione integrale e la traduzione è a cura di Fedora Dei, in passato avevo letto una differente edizione di questo romanzo e alcuni passaggi erano mancanti a differenza di questo.

L’edizione cartacea proposta da Newton Compton Editori fa parte della collana MiniMammut che comprende i migliori capolavori della letteratura, poesia, filosofia e teatro caratterizzati dalle dimensioni compatte dei volumi e dalle copertine colorate e morbidissime come fossero imbottite. Shirley di Charlotte Bronte corrisponde al numero 165 della collana, l’edizione cartacea è venduta a € 4,90 mentre il formato Kindle è venduto su Amazon a € 3,49

shirley charlotte bronte

Tag:, , , , , , ,

0

Gene Wilder – Come lo feci. Autobiografia di un mostro (di bravura)

Posted by Simona Giorgi on 30 agosto 2016 in libro |
gene wilder come lo feci

Gene Wilder –  Come lo feci. Autobiografia di un mostro (di bravura) riedizione della precedente autobiografia Baciami come uno sconosciuto (di profilo)

A distanza di 40 anni dall’uscita del cult movie Frankenstein Junior, viene editata in edizione tascabile l’autobiografia di Gene Wilder, ideatore del soggetto sviluppato insieme all’amico di una vita Mel Brooks.

Come lo feci. Autobiografia di un mostro (di bravura) è uscito in vendita il 18 luglio 2015, in occasione del quarantesimo anniversario dell’uscita al cinema del film più famoso e amato di Wilder, e ovviamente è entrato nella mia libreria a distanza di pochi giorni dalla pubblicazione. In realtà non è un’autobiografia nuova, si tratta della riedizione economica di Baciami come uno sconosciuto (di profilo), e purtroppo manca delle tante bellissime foto presenti nell’edizione madre. Invece i contenuti sono intatti, e sicuramente è un libro imperdibile per i tanti fan dell’ormai compianto artista.

Sono rimasta molto colpita e affascinata da Gene Wilder uomo, una persona che non ha mai smesso di ringraziare il destino, il caso, per aver messo sulla sua strada in modo assolutamente imprevedibile l’incontro con attori e registi che hanno cambiato la sua vita e il modo di fare cinema, primo tra tutti il grande amico di una vita Mel Brooks, che ha anche curato la prefazione dell’autobiografia.

In modo delicato, ironico e leggero, Wilder ci accompagna in punta di piedi dentro la sua vita e la sua intimità, presenta i momenti più belli e divertenti e quelli più amari con la stessa irriverente malinconia, quasi a scusarsi se la vita è stata tanto generosa e ricca nei suoi confronti, anche se spesso accompagnata da momenti decisamente tristi e dolorosi.

Gli aneddoti, gli incontri, le amicizie, gli amori che hanno accompagnato la vita di Wilder, caratterizzata dall’unica costante della ricerca dell’Arte, rendono appassionante la lettura di questa ricca autobiografia sia per i fan di Gene Wilder sia per chi ama la buona lettura e ha curiosità nei confronti di uno spaccato di storia.

Si può fare!

gene wilder come lo feci

Tag:, , , ,

0

Blog chiuso per ferie godetevi l’estate

Posted by Simona Giorgi on 8 agosto 2016 in tempo libero |
chiuso per ferie

 

Chiuso per ferie

cinemaletturatempolibero.parolealventoblog.com non parte per qualche viaggio esotico o verso lidi da sogno, ma per qualche giorno il blog sarà chiuso per ferie. Ogni tanto è necessario staccare la spina e prendere qualche giorno di riposo, ma proprio poco poco 😀

Voi invece dove andrete di bello in vacanza? Ci sentiamo presto, buone vacanze estive a tutti!!!

 

Location: Porto Civitanova Marche, lungomare sud, Macerata, Marche, Italia ♥

 

0

Carrello kajak trolley Sea Mule Duramaxx

Posted by Simona Giorgi on 28 giugno 2016 in tempo libero |
Carrello kajak trolley Sea Mule Duramaxx

 Carrello kajak trolley Sea Mule SL Duramaxx by Electronic Star per spostare agevolmente kajak, canoe e piccoli mezzi acquatici.

In estate si svolgono molte attività a contatto con la natura, spesso in acqua, quindi diventa molto utile avere il carrello kajak trolley Sea Mule SL Duramaxx. Un carrello poco ingombrante, richiudibile e che si smonta in pochi minuti, in grado di sostenere e accompagnare kajak, canoe e altri mezzi acquatici dal peso massimo di 60 Kg.

Read more…

Tag:, , ,

0

Sistema irrigazione automatico Aquanova Blumfeldt

Posted by Simona Giorgi on 24 giugno 2016 in tempo libero |
Sistema irrigazione automatico Aquanova Blumfeldt

Sistema irrigazione automatico Aquanova Blumfeldt per un massimo di 10 vasi, per piante sane anche quando non siamo in casa.

In estate accade spesso di non essere in casa durante il fine settimana o per le vacanze, per questo motivo diventa indispensabile avere il sistema irrigazione automatico Aquanova Blumfeldt che è facilmente programmabile e ci consente di fornire la giusta quantità di acqua per un massimo di 10 vasi.

Read more…

Tag:, ,

0

Rimorchio per biciclette Big Black Mike Duramaxx

Posted by Simona Giorgi on 3 giugno 2016 in tempo libero |
rimorchio biciclette big black mike duramaxx

Rimorchio per biciclette Big Black Mike Duramaxx con copertura impermeabile, capacità du carico fino a 70 litri o 40 Kg, utilizzabile anche come carretto.

L’estate è alle porte, e chi ha la possibilità inizia a scegliere la bicicletta come mezzo di trasporto, anche nel weekend per andare a fare un picnic o una passeggiata, ma lo avete un capiente rimorchio biciclette?

Read more…

Tag:, , , , ,

7

Il lbro della giungla eBook bilingue Kentauron

Posted by Simona Giorgi on 31 maggio 2016 in libro |
il libro della giungla

Il libro della giungla di Rudyard Kipling in versione eBook bilingue Kentauron per iTunes con testo a fronte italiano – inglese, italiano – francese, italiano.

Quando sento nominare Il libro della giungla non posso fare altro che pensare al lungometraggio Disney del 1967, che a distanza di cinquanta anni è stato trasposto in una nuova versione cinematografica uscita in questi giorni al cinema. E in concomitanza con il film, Kentauron ha proposto l’ eBook bilingue in tre differenti versioni: inglese-italiano, francese-italiano, inglese-francese e le tre lingue da sole. Tra l’altro a breve uscirà anche la versione in tedesco. In passato vi avevo già parlato degli ⇒eBook bilingue Kentauron

Read more…

Tag:, , , , ,

0

Carriola Speedy Bull Duramaxx

Posted by Simona Giorgi on 30 maggio 2016 in tempo libero |
carriola speedy bull duramaxx

Carriola Speedy Bull Duramaxx 100 l – 200 Kg ideale per giardinaggio, piccoli lavoretti di manutenzione domestica e pulizia stalle.

Molte persone hanno la fortuna di vivere in complessi dotati di aree verdi che possono essere adibite a orticelli o giardini condominiali, e le attrezzature da lavoro spesso si rivelano troppo fragili o pesanti; proprio per questo motivo vi voglio parlare della carriola Speedy Bull Duramaxx che ho trovato in vendita su Electronic-Star.

Read more…

Tag:, , , ,

Copyright © 2015-2019 Cinema Lettura e Tempo libero All rights reserved.
This site is using the Desk Mess Mirrored theme, v2.5, from BuyNowShop.com.